Matteo Vignoli

Sviluppatore Web Full-Stack autodidatta, curioso per natura,
attualmente impiegato a Milano presso ContactLab per conto di Anoki S.r.L.

SEO, statistica e curiosità con Google Trends

  Tempo di lettura:

Google Trends - chi mastica un po' di SEO e di statistica probabilmente già lo sa - è uno strumento molto importante ed interessante per visualizzare quelli che sono i trend di ricerca degli utenti, diventando quindi un buon termometro per visualizzare come mutano e si muovono nel corso del tempo gli interessi della Rete.

Con questo tool si può digitare una parola od una query di ricerca ed avere una visualizzazione grafica di quanto e dove questa parola od espressione viene maggiormente cercata, dando così la possibilità di analizzare il riflesso di un dato fenomeno o provare a cavalcare l'onda di una tendenza in corso; le possibilità sono davvero tante per chi sa sfruttarlo a dovere, ma anche per tutti gli utenti comuni (come il sottoscritto) resta comunque uno strumento piacevole da navigare e che stimola la curiosità: ad esempio, quali sono stati i maggiori trend di ricerca dell'anno scorso? Cosa hanno cercato gli italiani nel 2017?

Le ricerche degli italiani nel 2017

Google Trends, oltre a dare la possibilità di effettuare una ricerca per termine o query specifica, offre anche alcuni report "già pronti" di facile consultazione che non mancano di suscitare interesse e curiosità.

intro_0

Possiamo notare, ad esempio, come nel 2017 gli italiani abbiano cercato più di tutte il significato della parola "ipocondriaco" (e a guardare bene l'interesse è sempre stato abbastanza alto anche negli anni precedenti 🤔), anche se c'è stata una settimana ad ottobre in cui "mannaggia" è diventato l'argomento più scottante - soprattutto in Val d'Aosta - oltre ad esserci altre parole come "Despacito" il cui trend ha avuto il picco nel periodo, ovviamente, in cui la parola sia è fatta più sentire (o il tormentone si è fatto più insistente).

Aiutatemi, ma che è successo quel giorno? 🐱

Un aspetto che purtroppo non traspare da queste classifiche è che l'ordinamento viene fatto per numerica (beh, credo almeno), appiattendo in verticale una diffusione orizzontale che non solo non è omogenea ma a volte è addirittura circoscritta ad un periodo di tempo limitato (se qualche statistico sta leggendo queste righe sia umano e abbia pietà per la mia ignoranza su espressioni e termini usati, spero di essere riuscito comunque a far trapelare il senso 😅)

Un esempio evidente è la classifica delle ricette più cercate, dove con un minimo di intuito possiamo già immaginare, anche senza guardare il grafico dell'andamento per ognuna di esse, come la distribuzione sarà probabimente legata al periodo in cui quel piatto è più diffuso: vedi ad esempio la pastiera napoletana, tipico del periodo pasquale, e le Fave dei morti preparate per il primo di novembre. Ci sono comunque anche piatti di tutto l'anno che evidentemente necessitano sempre di una rinfrescata, con trend più o meno costanti nel corso del tempo, come la carbonara: guanciale o pancetta? Quale'è la ricetta perfetta? E per i vegani? (niente direi, ma non tocchiamo l'argomento) Da quando è stato istituito il #CarbonaraDay (6 aprile), poi, anche i fine marzo/primi di aprile degli anni a venire vedranno sicuramente dei picchi per quanto riguarda questo termine di ricerca (se avete un blog di cucina tenetevelo a mente!)

Hot Trends, le tendenze di ricerca giornaliere o in real time

Oltre all'andamento nel corso del tempo, alle classifiche o alla possibiltà di fare le proprie analisi, Google Trends offre anche le "Ricerche di tendenza" ossia due tab con le notizie più cercate nella giornata odierna (aggiornate ogni ora) e addirittura quelle in tempo reale, queste ultime filtrabili per categoria e recuperate

...dagli argomenti di Knowledge Graph, dagli interessi di ricerca e dagli articoli di Google News rilevati dai nostri algoritmi.

Nel box qui, ad esempio, sotto possiamo vedere le ricerce di tendeza giornaliere di oggi (sì, di oggi oggi), grazie alla possibilità di esportazione (mail, rss o, come in qeusto caso, javascript) offerta da Google:

Insomma, Google Trends è uno strumento che offre una prospettiva davvero interessante e a tratti inaspettata, ci permette di avere uno sguardo diverso ed una panoramica più ampia su un aspetto non indifferente della nostra cultura e società - anche senza essere maghi dei numeri o professionisti del settore ci possiamo far prendere dalla curiosità di vedere come le persone reagiscono agli eventi, dal capire cosa stuzzica i loro interessi, dal vedere come si propaghino le ondate di un determinato fenomeno e da come si possa eventualmente prevedere.

Algoritmo per la generazione di labirinti #1: il Binary Tree

Il Binary Tree  è l'algoritmo più semplice per la generazione di un labirinto ed è anche quello che necessita meno risorse: può infatti creare un labirinto...

Algoritmo per la generazione di labirinti #2: Sidewinder

Il secondo algoritmo che affronto in questo mio ciclo personale di algoritmi per la generazione di labirinti è il Sidewinder, la cui difficoltà è di poco...

MatteoVignoli.it   Non perderti nulla da MatteoVignoli.it, ricevi aggiornamenti via mail.